Come Installare le Telecamere a Circuito Chiuso?

Non ci sono ancora voti

La televisione al servizio della sicurezza

Rispondere alla domanda cos’è la televisione a circuito chiuso è piuttosto semplice. Si tratta infatti di un sistema TV in cui i segnali non vengono distribuiti pubblicamente ma sono monitorati, principalmente per scopi di sorveglianza e sicurezza. Il Circuito Chiuso TV si basa sul posizionamento strategico delle telecamere e sull’osservazione dell’input della telecamera sui monitor che possono essere posizionati a distanza. Per questa ragione ti proponiamo una guida su come installare le telecamere a circuito chiuso.

come installare le telecamere a circuito chiuso

Come funzionano queste telecamere?

Poiché le videocamere comunicano con monitor e videoregistratori attraverso percorsi privati di cavi coassiali, o collegamenti di comunicazione wireless, ottengono la designazione di “circuito chiuso” a indicare che l’accesso al loro contenuto è limitato solo a coloro che sono in grado di vederlo. I sistemi CCTV più vecchi utilizzavano monitor in bianco e nero a bassa risoluzione, senza funzionalità interattive.

I moderni display possono essere a colori, ad alta risoluzione e possono includere tra le loro caratteristiche la possibilità di ingrandire l’immagine o tracciare qualcosa o qualcuno. Se vi sono altoparlanti associati alla videocamera è anche possibile parlare con le persone entro il loro raggio.

I sistemi CCTV vengono comunemente usati per una grande varietà di scopi, tra cui:

• il mantenimento della sicurezza perimetrale in aree e installazioni di media e alta sicurezza;
• i dispositivi di ispezione dei bagagli a raggi X negli aeroporti.
• l’osservazione del comportamento di detenuti e pazienti potenzialmente pericolosi in strutture mediche;
• la visualizzazione a distanza di processi industriali pericolosi, decolli di razzi e altre operazioni;
• il controllo dell’identità delle persone che desiderano entrare in un edificio.
• il riconoscimento computerizzato di volti individuali, con possibile identificazione di persone “ricercate”;
• il monitoraggio del traffico veicolare per il rilevamenti di attività illegali;
• la sorveglianza di luoghi pericolosi per l’uomo, come ambienti altamente radioattivi o tossici;
• la sicurezza di terreni ed edifici;
• ottenere una registrazione visiva delle attività nelle situazioni in cui è necessario mantenere una sicurezza adeguata o controlli di accesso( ad esempio smistamento di diamanti, banche, casinò, aeroporti).


Questo sistema è efficiente?

I sistemi a circuito chiuso stanno trovando un crescente uso nell’applicazione per legge, soprattutto per quanto riguarda l’osservazione del traffico e le biglietterie automatiche e l’osservazione di aree o quartieri ad alto rischio criminale.

telecamere di sorveglianza

Esempio di telecamere di sorveglianza collegate alla Tv.

Anche se questo uso della tecnologia alimenta le preoccupazioni sulla tutela della privacy, soprattutto in Europa dove è diventata una routine della procedura di polizia. Dunque un sistema a circuito chiuso porta le immagini ad un numero limitato di monitor e per lo più trova un impiego istituzionale o riservato a grandi società e associazioni.

Prima dei CCTV per proteggere il perimetro di un’area era necessario posizionare personale in modo tale che le linee di vista coprissero l’intera circonferenza dell’area. Con l’avvento della tecnologia a circuito chiuso è stato possibile ridurre il personale necessario posizionando telecamere Tv in punti strategici e trasmettendo le immagini risultanti in una sala controllo dove gli addetti possono monitorare gli schermi. Idealmente questi operatori noteranno qualsiasi evento sospetto sui loro schermi e avviseranno il team di risposta.

Per decenni il CCTV è stato un tipico componente del sistema di rilevamento di intrusioni perimetrali, in combinazione con dispositivi progettati per rilevare le intrusioni con altri mezzi (rilevatori di movimento a ultrasuoni, contatti di allarme ecc.). In realtà, anche gli studi degli psicologi hanno confermato che l’operatore che passa ore a guardare lo schermo a scene statiche tende a diventare annoiato, meno efficiente e abbassa la soglia d’attenzione. Quindi tende a perdere eventi a bassa frequenza, come una figura che sta scavalcando una recinzione.

La tecnologia fa progressi

I progettisti hanno cercato di combattere l’effetto “noia” usando i rilevatori automatici di movimento video (VMD). Questi dispositivi sono progettati per rilevare automaticamente l’azione della scena confrontando fotogrammi successivi per le modifiche. Quando viene rilevato un cambiamento che supera una soglia predeterminata, viene emesso un allarme. Chi sorveglia giudica quindi se l’allarme è falso o valido. I VMD, tuttavia, non si sono rivelati una panacea di sicurezza.

Ci sono troppe fonti di cambiamento di immagine, specialmente nelle scene all’aperto, per un semplice circuito atto a distinguere intrusioni significative da allarmi fastidiosi: ombre mobili, fogliame agitato dal vento, uccelli, roditori, rifiuti o foglie cadute, lo stesso movimento della fotocamera, l’auto-iris della fotocamera e simili. Di fronte a frequenti falsi allarmi di VMD, l’operatore tenderà a ignorare del tutto il sistema.

L’uso del VMD è quindi spesso limitato agli spazi interni illuminati artificialmente o ai costosi sistemi che impiegano l’elaborazione del computer per ridurre il tasso di falsi allarmi. Anche se a partire dal 1990 tecniche di intelligenza artificiale – in particolare, sistemi esperti – sono stati combinati con VMD per aumentare l’efficacia di telecamere a circuito chiuso. Un sistema esperto applica l’elaborazione di livello superiore alle informazioni estratte dai pixel dell’immagine CCTV non elaborata, al fine di identificare e tracciare gli oggetti, di solito inclusi gli intrusi umani. Tali sistemi sono un netto miglioramento rispetto al semplicistico VMD e hanno dimostrato il loro potenziale di ignorare i rami degli alberi e conigli che saltellano sui prati.


Come installare le telecamere a Circuito Chiuso?

L’installazione di questo sistema di sicurezza avanzato si divide in differenti fasi e risulta essere complicata per chi non conosce bene gli impianti in generale. Montare una telecamera a circuito

Tecnico che installa una telecamera a circuito chiuso

Antennista che installa una telecamera a circuito chiuso.

chiuso e collegarla alla tua televisione comporta un’ottima conoscenza della predisposizione dell’impianto elettrico già esistente in casa e grande esperienza nel campo.

Ti consigliamo di rivolgerti sempre a dei tecnici esperti e professionisti per effettuare questo o altre tipologie di servizi da antennista. Un intervento da parte di un professionista viene svolto in completa sicurezza per tutte le parti coinvolte e comporta una garanzia di ottimale risultato finale.

Un compito che spetta al cliente invece, è quello di scegliere il modello delle telecamere da montare e la zona più adatta nella quale posizionarle, in base a luminosità e corretta esposizione. Affidati ai nostri tecnici per un intervento di Installazione telecamere a circuito chiuso e richiedi un preventivo gratuito!

Summary
Come Installare le Telecamere a Circuito Chiuso?
Service Type
Come Installare le Telecamere a Circuito Chiuso?
Provider Name
Antennista.milano.it, Telephone No.333 8436937
Area
Milano
Description
La Sicurezza a Circuito Chiuso è un sistema in cui i segnali non vengono distribuiti pubblicamente ma sono monitorati, principalmente per scopi di sorveglianza. Per questa ragione ti proponiamo una guida su come installare le telecamere a circuito chiuso.

Se hai utilizzato il nostro servizio, dacci un voto da 1 a 5