dCSS: cambio tecnologico

Non ci sono ancora voti

Nel mondo dell’impiantistica televisiva si affaccia una novità: il digital Channel Stacking Switch (il dCSS). Il dCSS è una evoluzione dell’SCR che offre un vantaggio che piacerà sia agli installatori che agli amministratori.

In cosa consiste questa nuova tecnologia?

Il digital Channel Stacking Switch migliora in maniera considerevole la distribuzione di segnali satellitari e terrestri su singolo cavo. È possibile infatti, grazie all’utilizzo di multiswitch dCSS, attuare installazioni molto più efficaci, perché grazie ad solo ed unico cavo è possibile gestire addirittura 16 User Band.cambio tecnologico illuminatori

Sostanzialmente l’unico cavo amplia la potenzialità della distribuzione SAT riuscendo a fornire fino a 32 User Band con un solo chipset programmabile. In questo modo è possibile ottenere prodotti di uscite di dimensioni compatte.

I nuovi multiswitch dCSS saranno retro compatibili con il tradizionale SCR. Dunque gli installatori che attuano una installazione di dCSS scelgono un prodotto decisamente all’avanguardia che oltre tutto è compatibile con le vecchie tecnologie.

L’SCR (Satellite Channel Router) sta per andare in pensione, cedendo il posto a questa nuova tecnologia. Il dCSS (Definita dalla norma CENELEC EN 50494 nel 2007) sta facendo da apripista alla soluzione monocavo dei segnali satellitari. La possibilità di vedere contemporaneamente i programmi in due stanze diverse dell’appartamento (come Sky Multivision) è diventata una realtà con un unico cavo da installare tra antenna e appartamento.

Caratteristiche del dCSS

Il sistema dCSS offre diverse caratteristiche interessanti:

  • Dimensioni compatte;
  • Sul mercato presto spariranno LNB e MSW SCR e resterà solo dCSS.
  • Le versioni a 5 cavi sono anche ibride: lavorano in abbinamento a decoder con tecnologia dCSS, SCR e Legacy (universale)
  • Funzionano in abbinamento a decoder compatibili ed offrono la possibilità di collegare fino a 16 tuner per ciascuna uscita.
  • Sono retro-compatibili: funzionano con i decoder che non sono adatti al sistema dCSS ma solo SCR.
  • I modelli 80391DH e 80392DH sono anche compatibili con gli LNB Wide Band per distribuzioni SAT con colonne montanti a 2 cavi (+1 per il TV) per ciascuna posizione orbitale.
  • Offrono la possibilità di collegare fino a 16 tuner per ciascuna uscita.

Quanto costano i nuovi impianti dCSS?

Visti i rumorosi vantaggi si consiglia di realizzare l’impianto dCSS anche per un’ottica futura e all’avanguardia. Il costo dell’installazione dei nuovi commutatori sono, inoltre, allineati con quelli della vecchia serie precedente SCR. Ora non vi resta utilizzare i prodotti che sfruttano la nuova tecnologia dCSS.

Se hai utilizzato il nostro servizio, dacci un voto da 1 a 5

Digitale terrestre o satellitare?

Non ci sono ancora voti

Tutti i giorni nel parlare quotidiano oramai è entrata in uso la parola “decoder”, ma ancora troppo spesso si fa fatica a distinguere la differenza tra decoder satellitare e decoder digitale. Quali sono le sostanziali differenze tra questi due tipi di diversi decoder? Vediamo di seguito di rispondere a questa domanda con chiarezza.

Il decoder digitale terrestre

telecomando decoderDa circa cinque anni, in Italia, è avvenuto il passaggio definitivo di tutte le TV al decoder digitale terrestre switch-off. Cosa significa? Il definitivo passaggio al digitale terrestre vuol dire che in tutta la penisola Italiana le trasmissioni per via analogica non sono più funzionanti, la visione della TV, dunque, è possibile soltanto tramite un decoder che trasmette in via digitale. Se non si è in possesso di un decoder, vedere le trasmissioni è praticamente impossibile a meno che avete acquisto un televisore con decoder incorporato. Infatti, sul mercato esistono numerose tipologie di modelli di decoder.

A cosa serve tecnicamente il decoder?

Il decoder è un dispositivo che permette la fruibilità di canali e servizi che altrimenti non sarebbero visibili tramite la comune televisione; oggi sono molte le versioni disponibili di decoder satellitari (set-top box). Esistono decode4 di ogni prezzo, di ogni modello e con diverse funzionalità: come la capacità di avere un decoder con hard disk capace di registrare i programmi preferiti. Vediamo alcuni modelli di decoder che si possono trovare presso i comuni rivenditori:

  • Decoder che consente la ricezione dei soli canali in chiaro contrassegnati con un bollino grigio DGTVi.
  • il decoder che oltre ai canali in chiaro consente la fruizione di programmi a pagamento e servizi interattivi contrassegnati con il bollino blu DGTVi come ad esempio Mediaset Premium.
  • Il decoder che consente di visualizzare programmi in alta definizione contrassegnati con il bollino gold DGTVi.

Il decoder satellitare

Il decoder satellitare è un decoder che permette di decodificare il segnale tramite una tecnologia digitale satellitare. La differenza con quello terrestre è, sostanzialmente, l’aiuto obbligatorio di un’antenna parabolica che permette la ricezione del segnale satellitare. I modelli di decoder del satellitare sono pressoché molto simili a quelli del decoder digitale terrestre.

Se hai utilizzato il nostro servizio, dacci un voto da 1 a 5